Synopsis

TRAMA Il cinema ha superato i cento anni e la presenza sullo schermo di personaggi gay ci ha accompagnato fin dagli inizi, persino durante gli anni del famigerato ‘Codice Hays’, quando la ‘perversione sessuale’ era esplicitamente proibita. Dai comici effeminati alle vampiresse lesbiche, dai patetici travestiti ai sadici conquistatori, Hollywood ha definito il nostro pensiero sull’omosessualità. Basandosi sul libro ‘The Celluloid Closet: Homosexuality in the Movies’ di Vito Russo, morto di Aids nel 1990, e narrato da Lily Tomlin, i due registi ringraziano la settima arte ripercorrendo l’iconografia lesbo-gay. Ci riescono molto bene senza ricorrere agli scandali o riportare alla luce pagine vergognose, ma concentrandosi invece sull’evoluzione del costume attraverso i film

RECENSIONE Uscito nel 1995 ( e attualmente abbastanza introvabile nella versione in dvd in italiano) il film ripercorre la storia  dell’omosessualità all’interno del cinema, dagli esordi ( Dickson Experimental Sound Film di William Dickson, un film tra i primi esperimenti di sonorizzazione, del 1894, in cui due uomini ballano abbracciati) passando per Gioventù bruciata e  il vizietto fino ai più recenti “Priscilla la regina del deserto” e Philadelphia. Recenti si fa per dire, in effetti tra i tanti limiti del film, rivedendolo, è proprio il fatto sia piuttosto datato (negli ultimi 20 anni il cinema a tematica gay ha fatto notevoli passi avanti). Pur essendo abbastanza didascalico, il film presenta numerose citazioni che però non vengono mai particolarmente approfondite lasciando allo spettatore il compito di farlo da soli. I non cinefili (o comunque anche solo cultori e appassionati di cinema) troveranno qualche difficoltà a carpire tutti i collegamenti che nel film vengono fatti. Eppure è un film documentario assolutamente da vedere e che avrebbe bisogno di un ulteriore episodio o in ogni caso nuovi documentari per approfondire quella che è stata ed è la storia dell’omosessualità nel cinema, un rapporto sicuramente non sempre fortunato. Se riuscite a recuperare il film vi consiglio assolutamente di vederlo, e di riflettere.
 FILM CITATI
1895 – Dickson Experimental Sound Film di William Dickson
1912 – Algie the Miner di Harry Schenck, Edward Warren e Alice Guy
1914 – A Florida Enchantment di Sidney Drew
1916 – Charlot macchinista (Behind the Screen) di Charlie Chaplin
1922 – La corsa al piacere (Manslaughter) di Cecil B. DeMille
1923 – The Soilers di Ralph Ceder
1927 – A Wanderer of the West di Robin Williamson e Joseph E. Zivelli
1927 – Ali (Wings) di William A. Wellman
1929 – La canzone di Broadway (The Broadway Melody ) di Harry Beaumont
1930 – Marocco (Morocco) di Josef von Sternberg
1932 – Sangue ribelle (Call Her Savage) di John Francis Dillon
1932 – Un’idea geniale (Their First Mistake) di George Marshall
1933 – La regina Cristina (Queen Christina) di Rouben Mamoulian
1933 – Recluse (Ladies They Talk About) di Howard Bretherton e William Keighley
1933 – Myrt and Marge di Al Boasberg
1933 – La danza di Venere (Dancing Lady) di Robert Z. Leonard
1933 – Our Betters di George Cukor
1934 – Wonder Bar di Lloyd Bacon
1934 – Tarzan e la compagna (Tarzan and His Mate) di Jack Conway, Cedric Gibbons e James C. McKay
1934 – Cerco il mio amore (The Gay Divorcee) di Mark Sandrich

1935 – La moglie di Frankenstein (Bride of Frankenstein) di James Whale
1935 – Cappello a cilindro (Top Hat) di Mark Sandrich
1936 – La figlia di Dracula (Dracula’s Daughter) di Lambert Hillyer
1936 – Fame di Leslie S. Hiscott
1938 – Susanna! (Bringing Up Baby) di Howard Hawks
1940 – Rebecca, la prima moglie (Rebecca) di Alfred Hitchcock
1941 – Il mistero del falco (The Maltese Falcon) di John Huston
1945 – Giorni perduti (The Lost Weekend) di Billy Wilder
1946 – Gilda di Charles Vidor
1947 – Odio implacabile (Crossfire) di Edward Dmytryk
1948 – Il fiume rosso (Red River) di Howard Hawks e Arthur Rosson
1948 – Nodo alla gola (Rope) di Alfred Hitchcok
1950 – Chimere (Young Man with a Horn) di Michael Curtiz
1950 – Prima colpa (Caged) di John Cromwell
1953 – Non sparare, baciami! (Calamity Jane) di David Butler
1953 – Gli uomini preferiscono le bionde (Gentlemen Prefer Blondes) di Howard Hawks
1954 – Johnny Guitar di Nicholas Ray
1955 – Gioventù bruciata (Rebel Without a Cause) di Nicholas Ray
1956 – Tè e simpatia (Tea and Sympathy) di Vincente Minnelli
1958 – La gatta sul tetto che scotta (Cat on a Hot Tin Roof) di Richard Brooks
1959 – Il letto racconta (Pillow Talk) di Michael Gordon
1959 – A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot) di Billy Wilder
1959 – Improvvisamente l’estate scorsa (Suddenly, Last Summer) di Joseph L. Mankiewicz
1959 – Ben-Hur di William Wyler
1960 – Spartacus di Stanley Kubrick
1961 – Amore ritorna! (Lover Come Back) di Delbert Mann
1961 – La vittima (Victim) di Basil Dearden
1961 – Quelle due (The Children’s Hour) di William Wyler
1962 – Uno sguardo dal ponte (Vu du pont) di Sidney Lumet
1962 – Anime sporche (Walk on the Wild Side) di Edward Dmytryk
1962 – Tempesta su Washington (Advise & Consent) di Otto Preminger
1967 – La volpe (The Fox) di Mark Rydell
1968 – Inchiesta pericolosa (The Detective) di Gordon Douglas
1968 – Il sergente (The Sergeant) di John Flynn
1968 – L’assassinio di Sister George (The Killing of Sister George) di Robert Aldrich
1969 – Butch Cassidy (Butch Cassidy and the Sundance Kid) di George Roy Hill
1970 – Festa per il compleanno del caro amico Harold (The Boys in the Band) di William Friedkin
1971 – Punto zero (Vanishing Point) di Richard C. Sarafian
1971 – Domenica, maledetta domenica (Sunday Bloody Sunday) di John Schlesinger
1972 – Cabaret di Bob Fosse
1974 – Una calibro 20 per lo specialista (Thunderbolt and Lightfoot) di Michael Cimino
1974 – Una strana coppia di sbirri (Freebie and the Bean) di Richard Rush
1976 – Stop a Greenwich Village (Next Stop, Greenwich Village) di Paul Mazursky
1976 – Car Wash – Stazione di servizio (Car Wash) di Michael Schultz
1978 – Il vizietto (La cage aux folles) di Édouard Molinaro
1978 – Fuga di mezzanotte (Midnight Express) di Alan Parker
1979 – I mastini del Dallas (North Dallas Forty) di Ted Kotcheff
1979 – I guerrieri della notte (The Warriors) di Walter Hill
1980 – La mia guardia del corpo (My Bodyguard) di Tony Bill
1980 – Cruising di William Friedkin
1980 – Windows di Gordon Willis
1981 – Chiamami aquila (Continental Divide) di Michael Apted
1981 – Un’ombra nel buio (The Fan) di Edward Bianchi
1982 – Making Love di Arthur Hiller
1982 – Victor Victoria di Blake Edwards
1982 – Night Shift – Turno di notte (Night Shift) di Ron Howard
1982 – Due donne in gara (Personal best) di Robert Towne
1982 – Lui è mio (Partners) di James Burrows
1982 – 48 ore (48 Hrs.) di Walter Hill
1982 – Ufficiale e gentiluomo (An Officer and a Gentleman) di Taylor Hackford
1983 – Miriam si sveglia a mezzanotte (The Hunger) di Tony Scott
1983 – Lianna – un amore diverso (Lianna) di John Sayles
1983 – Silkwood di Mike Nichols
1984 – Repo Man, il recuperatore (Repo Man) di Alex Cox
1985 – Cuori nel deserto (Desert Hearts) di Donna Deitch
1985 – Il colore viola (The Color Purple) di Steven Spielberg
1985 – Catholic boys: alleluja! (Heaven Help Us) di Michael Dinner
1985 – Voglia di vincere (Teen Wolf) di Rod Daniels
1986 – Parting Glances di Bill Sherwood
1988 – Grasso è bello (Hairspray) di John Waters
1988 – Amici, complici, amanti (Torch Song Trilogy) di Paul Bogart
1988 – The Chocolate War di Keith Gordon
1989 – Un piccolo sogno (Dream a Little Dream) di Marc Rocco
1989 – Schegge di follia (Heathers) di Michael Lehmann
1990 – Che mi dici di Willy? (Longtime Companion) di Norman René
1990 – Cuore selvaggio (Wild at Heart) di David Lynch
1991 – The Hours and Times di Christopher Münch
1991 – Pomodori verdi fritti alla fermata del treno (Fried Green Tomatoes) di Jon Avnet
1991 – Belli e dannati (My Own Private Idaho) di Gus Van Sant
1991 – Edoardo II (Edward II) di Derek Jarman
1991 – Thelma & Louise di Ridley Scott
1991 – Poison di Todd Haynes
1991 – Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs) di Jonathan Demme
1992 – Swoon di Tom Kalin
1992 – Basic Instinct di Paul Verhoeven
1992 – La moglie del soldato (The Crying Game) di Neil Jordan
1992 – Americani (Glengarry Glen Ross) di James Foley
1992 – The Living End di Gregg Araki
1992 – Pioggia di soldi (Mo’ Money) di Peter MacDonald
1993 – Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre (Mrs. Doubtfire) di Chris Columbus
1993 – Philadelphia di Jonathan Demme
1993 – Il banchetto di nozze (Hsi yen) di Ang Lee
1994 – Go Fish di Rose Troche
1994 – Priscilla, la regina del deserto (The Adventures of Priscilla, Queen of the Desert) di Stephan Elliott
1995 – A proposito di donne (Boys on the Side) di Herbert Ross